Appuntamenti nell'Isola
 
Loading
 

Appuntamenti nell'Isola

 

23 Agosto 2013

"La voce del sapone" con l'aromatario Meo Fusciuni

"La voce del sapone" con l'aromatario Meo Fusciuni - Appuntamenti nell'Isola - Capofaro Malvasia & Resort

La Sicilia si racconta attraverso i suoi profumi. Il 23 agosto Capofaro Malvasia & Resort a Salina un nuovo appuntamento con gli odori e i profumi creati da Meo Fusciuni in una combinazione alchemica con l'artigiano dei saponi Marco Ceravolo. Alle 18,30 appuntamento nel giardino di Capofaro con “La voce del sapone”, per dar vita ai profumi, odori e suggestioni. Storia e cultura della Sicilia, tradizioni, sapori e perfino la cucina rivivono attraverso un rito che si tramanda nel tempo, purificazione ma anche benessere.

"Marco ha saponificato olio di oliva extravergine in combinazione ad olio di cocco con una tecnica a freddo - racconta Meo - che non richiede lunghi tempi di cottura, risparmiando cosi risorse energetiche, e donando al sapone compattezza e omogeneità”. Ogni sapone, è stato artigianalmente creato seguendo una tecnica completamente naturale, e utilizzando le note olfattive scelte da Meo Fusciuni.

Meo Fusciuni, all’anagrafe Giuseppe Imprezzabile, è un chimico con la passione per la poesia di Pablo Neruda, Rainer Maria Rilke e Juana Ines de la Cruz.  Tre anni fa, la sua passione per le parole e il potere evocativo delle fragranze è diventato un lavoro, dando così vita a Meo Fusciuni, un soprannome di famiglia dalla natia Sicilia (Meo è il diminutivo di suo padre mentre  Fusciuni è la parola siciliana con cui il nonno lo descriveva, come un fiume che scorre).

A Salina è nata l’amicizia e la collaborazione fra Tasca d’Almerita e l’aromatario, una visione comune della vita e del suo rapporto con la natura, radici antiche siciliane, lo stesso amore per l’eccellenza, l’uno per vini, l’altro per i profumi, ed una curiosità mai paga. Un cammino sensoriale tra i vigneti diventa il racconto della Sicilia e Capofaro è il punto d’incontro.

La linea creata per Capofaro si ispira alla Sicilia: “Capofaro” (odori di mare, alghe e note saline), “Liquirizia” (un ricordo dolce e infantile legato al Sud, il profumo di pulito del muschio si mescola alle note di basilico e anice), “Incenso sacro” (dedicato al rito, della notte, della preghiera, il sacro e intenso profumo della fede), “Fico” (ovvero Sicilia, la sua nota verde e fruttata, il suo intenso frutto), “Amore notturno” (nota bianca  narcotica del gelsomino, la sua poesia, il ricordo),  “Mandorla” (è la memoria siciliana, il sapone alla mandorla, dolce e amaro), “Orto di famiglia” (dedicato alla tradizione in cucina della famiglia Tasca d’Almerita. Un sapone che descrive il rito dell'orto in cui  si possono leggere le note della foglia verde del pomodoro), “La limonaia”  (il sole,  con la sua forza ed energia, la luce della Sicilia), “Iris” (un tributo all'eleganza della donna sicula, la sua sofisticata essenza, una fragranza altamente pregiata), “Shukran” (l'origine araba della Sicilia, il rito dell'attesa incontra il sorriso di due popoli), “Un giardino dei semplici” (il giardino mediterraneo, il sapore di erbe pestate a mano: lavanda, rosmarino, timo, malva. Cultura), “Il sapone” (la sua essenza, nessuna essenza, il sapone naturale e artigianale, nella sua forma più limpida).